sabato 15 dicembre 2018

venerdì 14 dicembre 2018

venerdì 7 dicembre 2018

Anguillara...





lunedì 3 dicembre 2018

suggestioni...





sabato 1 dicembre 2018

Bracciano...





venerdì 23 novembre 2018

andando in giro...





sabato 17 novembre 2018

venerdì 16 novembre 2018

Un figlio a 62 anni. Che vuol dire essere genitori?


Ho sempre pensato che essere genitori non sia sinonimo di altruismo.
 Non diventiamo genitori  perché siamo buoni e vogliamo fare del bene. C’è anche dell’egoismo nel desiderare un bambino.
Siamo esseri umani. Capaci dei più grandi orrori, pensiamo ad Auschwitz. Ma anche di atti di grande generosità, come sacrificare la propria vita per qualcun altro.

 E nella vita di tutti i giorni, dobbiamo continuamente sforzarci per trovare un equilibrio tra questi opposti.
In questi giorni molti di noi  avranno letto di una  signora, infermiera di 62 anni, che si è fatta ingravidare in Albania con un embrione proveniente da ovuli e spermatozoi altrui.
Per poi partorire presso il San Giovanni di Roma.
La signora ha fatto capire che spera di vivere almeno fino ad ottanta anni, in modo da accompagnare la figlia fino ai diciotto anni.  

 Una situazione alquanto particolare: la signora ha già 62 anni, e non è sposata. Anzi, dice di aver tentato fino all’ultimo di trovare il suo uomo ideale. Ma poi ha preso atto della situazione e ha deciso di risolvere in un altro modo il suo desiderio di maternità.
 Sono anch’io una madre e mi faccio molti rimproveri. Però qui vedo molti punti critici:
- il poco tempo in cui potrà essere accanto alla figlia;
- il fatto di non essere sposata o non avere un compagno, e quindi, se le capitasse qualcosa, non poter lasciare la figlia in mano all’altro genitore.
Rimarrà da sola questa bambina/ragazza? E le sarà lasciato il denaro sufficiente per vivere?

Qualcuno si è chiesto se avere un figlio è un diritto.
Personalmente vedo un figlio come un desiderio o una scelta che nasce all’interno di un rapporto con la persona che si ama.
E non credo sia un diritto avere un figlio a tutti i costi. Un figlio non è un oggetto da acquisire, da esibire, da usare.  E questo vale sia per una coppia, che per una persona sola.
Ma se si è soli e anziani, si rischia di considerare un figlio qualcuno di cui occuparsi proprio per non rimanere soli, per riempire la nostra vita.
Non so cosa ne pensate.

 



Viterbo...





venerdì 9 novembre 2018